top of page
concert-g499d8e45e_1920.jpg
Viva la MammaE. Bennato
00:00 / 03:31
Il Gatto e la VolpeE. Bennato
00:00 / 02:59
L'isola che non cèE. Bennato
00:00 / 04:03

EDOARDO BENNATO

Edoardo Bennato (Napoli, 23 luglio 1946) è un cantautore e polistrumentista italiano.

È ritenuto uno dei maggiori rocker italiani,

 genere che ha spesso unito o alternato al blues e al folk. Il 19 luglio 1980 fu il primo artista italiano a registrare un'affluenza di più di 50000 spettatori allo stadio milanese di San Siro, nonché il primo cantante solista italiano a esibirsi, nel 1976, al Montreux Jazz Festival.

Tra gli altri primati, Edoardo Bennato vanta anche quello di essere stato il primo artista ad aver pubblicato due album a distanza di soli 15 giorni, Uffà! Uffà! e Sono solo canzonette nel marzo 1980 nonché il primo italiano a ricevere l'etichetta di punk nel 1974.

Chitarrista, armonicista e cantante, dopo un'esperienza londinese cominciò a proporsi come one man band suonando contemporaneamente, oltre alla chitarra e all'armonica, anche il tamburello a pedale, il kazoo e altre percussioni. L'influenza di grandi del blues come B.B. King e John Lee Hooker su tutti, del rock and roll e di cantautori come Bob Dylan, caratterizzò subito il suo personaggio e la sua musica, nella quale però non potevano mancare influenze mediterranee e partenopee.

Tra gli altri autori che sono stati fonte d'ispirazione vanno citati anche John Hammond, Chuck Berry, Elvis Presley, Jimmy Smith, Paul Anka e Neil Sedaka. Si dichiara, inoltre, appassionato dell'opera buffa di Rossini.

I suoi testi sono spesso ironici e dissacranti, e rivolti in modo graffiante contro il potere, a qualsiasi livello e in qualsiasi forma si manifesti, senza schieramenti politici o appartenenze a partiti. Questo stile gli è valso nel 2016 il Premio Lunezia per la qualità musical-letteraria dell'Album "Pronti a salpare".

Edoardo-Benneato-Daniele-Barraco-e1634027030884.jpg
bottom of page